hic sunt leones

vernissage venerdì 15 febbraio 2013 ore 18 via canova 9 trieste

hic sunt leones

Pubblicità

Esercizi di Scala

Fiume | HR | Espansioni 2.O  >>>>> flyer + artiste

o8 – 19 maggio 2o12

Prendendo spunto da R. Queneau, il concetto di scala è trattato come un elemento che identifica lo spazio fisico e metafisico dell’uomo, dall’ascesa al Cielo alla discesa agli Inferi, dall’organizzazione dello spazio intimo della casa alla scenografia urbana. Parallelamente vengono messi in luce i rapporti dimensionali, la scala appunto, che si configura come momento fondativo oltreché architettonico della stessa esistenza del pensiero umano, la verticalità per eccellenza lungo cui si incontrano l’architettura divina e quella terrena. Nove variazioni sul tema per rappresentare un esercizio fisico che non può venir dissociato da quello filosofico e spirituale.

espansioni

ESPANSIONI SOTTERRANEE

2o1o-2o12

Il design meccanico nei tunnels di Ravne: studio della struttura e della forma, la geometria e il significato dell’architettura. Il rilievo topografico come strumento per mettere in evidenza aspetti misteriosi, a partire dalla presenza di curve paraboliche e catenarie inverse che caratterizzano la forma dei tunnel, inseriti in una sorta di calcestruzzo e supportati da dei muretti a secco con pietre artificiali. Tutto ciò porta a pensare ad una idea di progetto particolarmente straordinaria, ma chi l’ha fatto e perché? L’uso di queste forme ha un’origine prettamente statica, che sottende di fatto una ricerca attraverso una molteplicità di principi fisici, caratterizzati da una serie di interrelazioni la cui espressione finale prende la forma di un’opera d’arte. Le vie della geometria e della fisica ci portano indietro fino all’antica Grecia, alle scoperte di Talete, Pitagora, Archimede, Platone, etc, da cui derivano i principi della geometria da applicare negli studi della fisica. Da Galileo a Eulero, da Leibniz a Gaudì, passando attraverso le teorie di Gauss: loro hanno provato a definire la funzione matematica ed espressiva della catenaria inversa, il cui grande vantaggio è proprio la capacità di sopportare grandi carichi con una speciale poetica nell’idea della forma.

 more >>> https://galkl.files.wordpress.com/2010/12/lkl-lecture-20110907.pdf